Attaquer le soleil Marquis De Sade

 

MASOCHISTI DI OGNI DOVE, QUESTO È IL VOSTRO PROFUMO.

PER SCAGLIARSI CONTRO IL SOLE, PER ALLONTANARLO DALL’UNIVERSO, PER CREARE IL BUIO PERPETUO — CHE PROPOSTA STRAVAGANTE! MA DONATIEN ALPHONSE FRANÇOIS, MARCHESE DE SADE, ERA UN UOMO STRAVAGANTE.

ASSUNSE NUMEROSI RUOLI: SCRITTORE, RIVOLUZIONARIO, FILOSOFO, LIBERTINO. DISDEGNÒ LE NORME SOCIALI E PRETESE LA LIBERTÀ SFRENATA. MISE IN DISCUSSIONE QUALSIASI AFFERMAZIONE SULL’AMORE, LA BELLEZZA, PERFINO LA VIOLENZA ED IGNORÒ I TABÙ. VOLEVA SCAGLIARSI CONTRO IL SOLE E BRUCIARE IL MONDO, LIBERARCI DAI PRECONCETTI, ABBATTERE LE BARRIERE CHE CI IMPEDISCONO DI ACCETTARE I NOSTRI DESIDERI. CI IDENTIFICHIAMO CON LUI PERCHÉ CERCHIAMO DI FARE LA STESSA COSA.

QUESTO È IL MOTIVO PER CUI ETAT LIBRE D’ORANGE HA SCELTO DI CELEBRARE UN UOMO CHE HA CELEBRATO GLI ESTREMI. ABBIAMO INVITATO IL MARCHESE DE SADE A FARE PARTE DELLA NOSTRA FAMIGLIA DI PROFUMI STRAVAGANTI. HA ACCETTATO CON PIACERE... E MAGARI CON UN PIZZICO DI DOLORE.

ETAT LIBRE D’ORANGE E IL MARCHESE DE SADE. E’ UN MATRIMONIO CELEBRATO IN PARADISO, O MAGARI ALL’INFERNO. IN ENTRAMBI I CASI, FUNZIONA. ASSIEME, CI SCAGLIAMO CONTRO IL SOLE.

 

***

Leggere De Sade significa rischiare — trovarsi improvvisamente obbligati ad affrontare se stessi. E’ un rischio meraviglioso da correre se ci si vuole immergere nel cuore e nel corpo dell’umanità. Perché De Sade libera. Ci spinge ad immaginare e desiderare andando oltre i confini che saturano la nostra prospettiva.

“Quante volte, oh Dio, ho desiderato scagliarmi contro il sole, strapparlo dal cielo per creare un’oscurità assoluta o usare quella stella per incendiare il mondo”.

Io che creo profumi, come potrei allargare la prospettiva, l’immaginazione oltre i miei limiti? Domanda molto personale. Il cisto! Uno dei miei paradossi. Una delle mie zone d’ombra. Sono sempre indietreggiato di fronte al cisto, l’ho evitato o nascosto sotto spessi strati di vaniglia ed ambra per evitarlo. Ecco perché mi sono voluto confrontare con una formula radicale: il cisto, non dosato, esagerato e in tutte le sue manifestazioni.

Mio caro marchese: questo è dedicato ai tuoi soli, ai nostri vulcani!


— Quentin Bisch, profumiere.